Francesco Barilli  è un regista, pittore e scrittore parmigiano. Appartenente a una famiglia di artisti (è nipote del pittore Cecrope Barilli) a vent’anni, nel 1963, ha cominciato a collaborare con il regista Antonio Pietrangeli che ha girato a Parma il film La parmigiana nel quale ebbe anche una piccola parte da attore. L’anno seguente Bernardo Bertolucci l’ha scelto come interprete principale del suo secondo film, Prima della rivoluzione. Nel 1968 ha fatto l’aiuto regista di due film di Camillo Bazzoni: Vivo per la tua morte e Commando suicida. Sempre nel 1968 ha debuttato nella regia, con il suo primo cortometraggio, Nardino sul Po. In seguito ha firmato regie di film e documentari (anche spot pubblicitari), ha preso parte come attore ad alcuni film, ha scritto sceneggiature. Dal 1994 al 1996 ha diretto sei documentari naturalistici per Geo & Geo, la trasmissione di Rai 3. Come regista ha firmato alcuni film culto, Il profumo della signora in nero (1974), Pensione paura (1977) Chi l’ha vista morire (1972). La vita di Giovannino Guareschi, insieme a quello di Giuseppe Verdi fanno parte di molti documentari che Barilli ha dedicato alla città di Parma e ai suoi personaggi.

Guido Conti è nato nel 1965 a Parma, dove vive e lavora. Con la raccolta di racconti Il coccodrillo sull’altare (Guanda) ha vinto il premio Chiara nel 1998. Ha pubblicato numerosi romanzi e saggi, tra cui ricordiamo Il grande fiume Po (Mondadori 2012) e Scrivere con i grandi, (Bur Rizzoli, 2016). La storia di Nilou che comprende tre volumi, Il volo felice della cicogna Nilou (2014) Nilou e i giorni meravigliosi dell’Africa (2015) e Nilou e le avventure del coraggioso Hadì (2018) è stata tradotta in Grecia, Spagna, Corea del Sud e Cina. Ha dedicato saggi e studi a Cesare Zavattini ma soprattutto a Giovannino Guareschi, di cui ricordiamo Giovannino Guareschi, biografia di uno scrittore (Rizzoli) premio Hemingway nel 2008.